REGIONE EMILIA-ROMAGNA: POR FESR 2014/2020. Misure 1.1.1, 1.1.4, 3.1.1 e 4.2.1. Contributo a fondo perduto a sostegno di progetti di investimento ad alto impatto tecnologico e occupazionale.

 

Descrizione completa del bando

Il Bando dà attuazione alla legge regionale n.14 del 18 luglio 2014, “Promozione degli investimenti in Emilia-Romagna”, favorendo la realizzazione di investimenti strategici ad elevato impatto occupazionale, che comprendano attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale finalizzati a sviluppare e diffondere significativi avanzamenti tecnologici per il sistema produttivo e alla realizzazione di nuovi risultati di rilevanza tecnologica e industriale, di interesse per le filiere produttive regionali. Il bando approva proposte di investimenti di alta rilevanza strategica attraverso la sottoscrizione di Accordi regionali di Insediamento e Sviluppo (d’ora in avanti Accordo) che rispondano agli obiettivi di interesse regionale per: accrescere la competitività delle filiere e dell’intero sistema produttivo regionale rafforzandone la capacità innovativa; integrarsi col sistema regionale della ricerca e della formazione avanzata, contribuendo al suo miglioramento; produrre significativi effetti occupazionali diretti e indiretti, a livello quantitativo e qualitativo, nonché positive ricadute sul territorio in termini di impatto economico, di sostenibilità ambientale e sociale. Il presente bando dà attuazione alle azioni 1.1.1 e 1.1.4, 3.1.1.e 4.2.1 del POR FESR 2014- 2020. Il presente bando dà, inoltre, attuazione a quanto previsto dal POR FSE Obiettivo tematico 8. Priorità di investimento 8.5 “Adattamento dei lavoratori, delle imprese e degli imprenditori al cambiamento”.

Soggetti beneficiari

Possono presentare la domanda di partecipazione al bando le imprese che esercitano attività diretta alla produzione di beni e di servizi:

– già presenti con almeno una unità locale in Emilia-Romagna che intendono realizzare investimenti addizionali;

– non ancora attive in Emilia-Romagna ma che intendono investire sul territorio regionale.

Tipologia di spese ammissibili

Sezione A. Investimenti per la realizzazione di strutture di ricerca

Sono ammissibili a finanziamento gli investimenti materiali ed immateriali connessi alla realizzazione di un’infrastruttura di ricerca, che svolge esclusivamente attività economiche a condizione che l’accesso all’infrastruttura sia aperto a più utenti e concesso in modo trasparente e non discriminatorio e la struttura sia aperta alla collaborazione con le Università e gli altri organismi di ricerca, anche al fine della formazione delle risorse umane.

Sezione B. Aiuti a favore della ricerca e sviluppo

Sono ammissibili a finanziamento uno o più interventi di ricerca e sviluppo rivolti a introdurre sul mercato nuovi prodotti o servizi, o adottare nuove tecnologie produttive che prevedano nuovi investimenti e ampliamenti produttivi sul territorio regionale. Gli interventi dovranno prevedere costi ammissibili non inferiori a 1 milione di euro. Per le sole aziende appartenenti ai settori delle industrie culturali e creative l’importo minimo delle spese ammissibili è abbassato a 500 mila euro. Perché gli interventi siano ammissibili devono prevedere collaborazioni con Università e/o organismi di ricerca e/o enti di ricerca, per un importo complessivo pari ad almeno il 15% dell’importo progettuale ritenuto ammissibile.

Sezione C. Realizzazione di progetti di formazione e incentivi all’assunzione di lavoratori svantaggiati e di lavoratori con disabilità

Per la formazione, sono ammissibili gli interventi volti a formare le competenze funzionali e correlate alla piena realizzazione dei programmi di investimento. Gli interventi potranno configurarsi come prima formazione per i neo assunti e/p come azioni di riqualificazione/aggiornamento dei lavoratori. Gli interventi possono essere realizzati direttamente dall’impresa o attraverso un ente di formazione professionale accreditato ai sensi delle disposizioni regionali. In particolare sono ammissibili operazioni comprendenti progetti di formazione continua e azioni di accompagnamento alle imprese, ovvero attività formative non corsuali finalizzate alla qualificazione e al rafforzamento delle competenze delle imprese

Sezione D. Investimenti per la tutela dell’ambiente per interventi finalizzati all’efficienza energetica, alla cogenerazione, alla produzione di energia da fonti rinnovabili, al riciclaggio e riutilizzo dei rifiuti e all’adeguamento a norme ambientali

Sono ammissibili i seguenti interventi:

a. investimenti a favore di misure di efficienza energetica;

b. investimenti a favore della cogenerazione ad alto rendimento;

c. investimenti volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili;

d. investimenti per il riciclaggio e il riutilizzo dei rifiuti.

Sezione E. Investimenti produttivi (nelle aree assistite e/o per le PMI)

Sono ammissibili a finanziamento i seguenti interventi:

a. costi per investimenti in attivi materiali e/o immateriali per nuovo intervento produttivo;

b. acquisizione di attivi di un’unità produttiva per dar luogo ad una nuova attività non in continuità con l’impresa precedente, capace di ampliare e/o diversificare la produzione mediante prodotti e/o processi nuovi. Sono ammissibili a finanziamento interventi del valore singolo ammissibile non inferiore a €1.500.000,00. Le spese ammissibili, connesse al programma di investimenti:

– di sviluppo industriale o di servizi di interesse regionale localizzato nelle zone ammissibili agli Aiuti a finalità regionale agli investimenti;

– di sviluppo industriale o di servizi di interesse localizzato nelle zone regionali non ammissibili agli Aiuti a finalità regionale agli investimenti candidate da PMI,

Sezione F. Acquisto di servizi di consulenza per le PMI

Sono ammissibili a finanziamento altri costi di consulenza che non rientrano fra le altre spese ammissibili dalle categorie di aiuto del Bando, e che sono necessari all’avvio e/o alla realizzazione del programma di investimento. Le spese ammissibili,  connesse al programma di investimenti sono spese per la progettazione degli interventi candidati da PMI.

Sono ammissibili a finanziamento interventi del valore singolo ammissibile non superiore a € 100.000,00.

Entità e forma dell’agevolazione

L’agevolazione è concessa a fondo perduto secondo le seguenti aliquote:

Tipologia di interventi/sezione Finalità dell’aiuto Intensità ed entità massima del contributo per tipologia di intervento e localizzazione di imprese
A Aiuti agli Investimenti in infrastrutture di ricerca Fino al 50% dei costi ammissibiliContributo Max 1M/€
B Attività di ricerca e sviluppo Ricerca industriale: fino al 50% dei costi ammissibiliSviluppo sperimentale: fino al 25% dei costi ammissibili

Contributo Max 1,5 M€ per progetto

C Aiuti alla formazione Fino al 50% dei costi ammissibili+ 10% per svantaggiati o disabili

+ 10-20% per PMI (max. 70%)

Contributo massimo 0,5 M€ per progetto di formazione

C Aiuti all’assunzione di lavoratori svantaggiati 50% del costo salariale lordo se trattasi di lavoratore svantaggiato; 50% dei costi legati all’assistenza fornita al lavoratore svantaggiato; per 12 mesi (24 per lavoratori molto svantaggiati)Contributo massimo 1 M€ per impresa/anno
C Aiuti all’occupazione di lavoratori disabili 50 % del costo salariale lordo se trattasi di lavoratore disabile;100% dei costi aggiuntivi finalizzati ad assistenza e sostegno al lavoratore disabile

Contributo massimo 1 M€ per impresa/anno

D Investimenti per l’efficienza energetica 30% grandi imprese40%medie imprese

50% piccole imprese

+ 5% aree assistite

Max 0,5 milioni di EUR per impresa e per progetto

D D Cogenerazione ad alto rendimento 45% grandi imprese55% medie imprese

65% piccole imprese

+ 5% aree assistite

Max 0,5 milioni di EUR per impresa e per progetto

D Investimenti per la produzione di energia da fonti rinnovabili 30-45% grandi imprese40%-55% medie imprese

50%-65% piccole imprese

+ 5% aree assistite

Max 0,5 milioni di EUR per impresa e per progetto

D Riciclo e riutilizzazione di rifiuti (oltre lo stato dell’arte) 35% grandi imprese45% medie imprese

55% piccole imprese

+ 5% aree assistite

Max 0,5 milione di EUR per impresa e per progetto

E+F Per le PMI (escluse grandi imprese): Aiuti agli investimenti produttivi  e all’acquisizione di servizi di consulenza .  20% per le piccole imprese10% per le medie imprese

Max 1 milione di euro per impresa Consulenze

50% solo per le piccole e le medie imprese

Max 50.000, 00 euro per impresa

E Investimenti produttivi nelle aree assistite  solo per nuovi impianti 30% piccole imprese– max 1,5 milioni di euro 20% medie imprese

– max 1,5 milioni di euro 10%: Grandi imprese

– max 1,5 milione di euro

Scadenza

E’ possibile presentare la domanda secondo le seguenti finestre:

-Prima finestra: dal 25 marzo 2019 al 30 aprile 2019;

-Seconda finestra: dal 1 ottobre 2019 al 6 novembre 2019.